Mifur Salone internazionale della pellicceria e della pelle

La storia di Mifur è recente e strettamente legata allo sviluppo della pellicceria e dell’abbigliamento in pelle all’interno del sistema moda.

Nel 1995 gli operatori del settore si sono rivolti alla loro associazione di categoria, AIP – Associazione Italiana Pellicceria, per chiedere di organizzare una Fiera a Milano che li rappresentasse come parte del complesso e affascinante sistema dedicato alla moda inverno.

Mifur ha così preso vita grazie alla capacità di visione e al senso del marketing di un’intera categoria, che ha deciso di mettere a disposizione del mercato mondiale le grandi potenzialità della propria moda.

Parlare di pellicceria, a partire da quell’ultimo scorcio degli anni ’90, doveva significare parlare di un prodotto omogeneo rispetto al grande mondo del prêt-à-porter e non di qualcosa di diverso e a se stante.

Mifur ha puntato sulla creatività diffusa di una rete di grandi e piccole aziende operanti nel settore, una rete capace di integrare tutti gli anelli della catena produttiva: dai servizi di conceria alle pelli, dal capo finito agli accessori e alle macchine. Ancora oggi questa è una caratteristica unica e originale, che costituisce la vera ricchezza del Salone, che si presenta come unico e verticale, vera filiera del comparto.

La peculiarità del prodotto ha fatto sì che Mifur si posizionasse sin dalla sua prima edizione come un appuntamento unico nell’anno, in marzo, in concomitanza con gli altri Saloni dedicati alla moda inverno.

Nell’aprile 1996, per gestire il grande successo del Salone, viene costituto l’Ente Fieristico Mifur, la struttura senza scopo di lucro che ha per obiettivo statutario di promuovere e realizzare iniziative fieristiche indirizzate ad operatori nazionali e internazionali, a sostegno del settore.